Il giochino era facilissimo: abbiamo chiesto agli amici di Citazioni Improbabili di Calciatori dell’Empoli FC – una pagina ironica di Facebook dedicata agli azzurri e seguita anche da alcuni calciatori – di porre una domanda ai tifosi. Qual è stata secondo i fan empolesi la miglior partita mai vista con l’Empoli protagonista? Poteva essere una partita del passato magari vista su vhs o raccontata dai parenti, una gara vista al Castellani oppure una trasferta memorabile, bastava solo che fosse una partita da tenere vicino al proprio cuore. I tifosi hanno risposto in massa con un semplice paletto, non si poteva votare Empoli – Vicenza, che già a suo tempo i fan della pagina nominarono come match più pazzo della storia azzurra. Contando anche quel playout clamoroso, ecco le cinque sfide da batticuore dell’Empoli Calcio in ordine crescente di voti.

Empoli 2-0 Pescara, Serie B 2013-14

Se siamo in Serie A lo si deve soprattutto a un lavoro straordinario da parte dello staff tecnico e dirigenziale e a un gruppo di giocatori meraviglioso, ma se si guarda il pelo nell’uovo la promozione nella massima serie – quasi mai in discussione – è arrivata solo all’ultimo turno in una partita al Castellani, pieno come nei più bei momenti di calcio a Empoli. A giugno finì due a zero grazie all’autogol di Di Francesco e alla rete di Ciccio Tavano, immancabile nell’apporre la sua firma a una pagina storica come la promozione in massima serie. Fu una serata traboccante di entusiasmo, segno dell’affetto reciproco tra l’Empoli e Empoli.

Empoli 1-0 Inter, Serie A 2005-06

Alvaro Recoba segnò un gol stratosferico a Empoli con la maglia dell’Inter tirando da centrocampo, più o meno dalla solita posizione quasi dieci anni dopo Marco Materazzi lo emulò con un autogol da svariati milioni di visualizzazioni su Youtube. Il 2005-06 fu un anno particolare, l’Empoli cambiò allenatore e assunse Gigi Cagni che portò la squadra alla salvezza (che l’anno dopo sarebbe diventata Coppa Uefa, nello stupore di tutta Europa): la sicurezza della permanenza in A arrivò grazie a una gara tiratissima con l’Inter, risolta dalla rete più beffarda della storia del Castellani. Materazzi passò la palla di controbalzo a Julio Cesar cercando di alleggerire ma inventò una palombella che ancora in tantissimi ricordano con affetto. Vittoria emozionante.

Empoli 3-3 Juventus, Serie A 2003-04

Per qualche minuto quella domenica sera di gennaio a Empoli nevischiò, segno che quella partita non sarebbe stata troppo normale. Ancora oggi quel 3-3 viene ricordato come la gara delle triplette, quella di David Trezeguet – che all’Empoli segnava spesso – e soprattutto quella di Tommaso Rocchi, che si stava affermando come bomber vero. L’Empoli ribatté colpo su colpo: Trezeguet segnava, poi Rocchi al volo pareggiava, Trezeguet segnava ancora e Rocchi di testa metteva dentro e poi beffava Buffon con un destro imparabile in volée prima del 3-3 finale ancora del francese. «Trezeguet chiama, Rocchi risponde» titolò la Gazzetta per una partita che ancora oggi fa venire la pelle d’oca. Fu il 4° gol in due gare per Rocchi, che la settimana prima affossò l’Inter a San Siro (Brechet sparì quel giorno).

Fiorentina 1-2 Empoli, Serie A 1997-98

Non c’è niente di meglio che battere i rivali, l’Empoli lo sa bene visto che la Fiorentina è quasi sempre l’avversario da sconfiggere sebbene i viola storicamente siano più forti. In Serie A, al ritorno dopo anni d’inferno tra B e C, l’Empoli riuscì nell’impresa addirittura al Franchi grazie a un match che è entrato nella storia e ha reso Martusciello un idolo ancor di più rispetto a quanto non lo fosse già nell’immaginario empolese. Quel giorno di settembre la Fiorentina andò in vantaggio uno a zero con Batistuta e lasciò giocare l’Empoli senza curarsi del ritorno degli avversari. Gli uomini di Spalletti però confezionarono una ripresa da manuale del calcio e pareggiarono con Max Tonetto per poi ribaltare il tutto al 94′ grazie a un fendente di Martusciello. Sapete perché mi batte il corazon? Ho visto Martusciello, ho visto Martusciello…

Empoli 3-2 Vicenza, playout Serie B 2011-12

Dopo lo 0-0 dell’andata in molti pensavano a un altro pareggio senza particolari emozioni per l’Empoli di Aglietti. Era una squadra che in quell’anno ci aveva capito poco, aveva cambiato tre allenatori e aveva centrato per un soffio i playout. Nei primi minuti della ripresa però tutto sembrava perso, quando Paolucci infilò una doppietta che portò il Vicenza sullo 0-2. I fantasmi di una stagione travagliata tornarono tutti fuori ma ci pensò il magico Levan a riportare le squadre sull’1-2 prima del rigore di Tavano del pari. Quando mancavano nemmeno dieci minuti alla fine iniziò il finimondo: prima Dossena parò un rigore a Paolucci e poi in contropiede all’ultimo secondo Maccarone fece registrare un terremoto del 9° grado per il boato clamoroso in cui eruppe il Castellani dopo il 3-2. Quando leggerete questo articolo nel 2057 allora darete ragione ai vostri nonni, che quel giorno c’erano e sopravvissero a un infarto.

Le altre. Sono molte le partite che i fan delle Citazioni hanno preso in considerazione, ma vista l’età media di chi usa i social network sono state escluse gare storiche come quella contro il Como a Modena che valse la B oppure la vittoria di Cremona dell’anno dopo: sfide nella quali l’Empoli muoveva un numero esorbitante di tifosi e di pullman. Rimane il fatto che in tanti ricordano partite sulla carta “minori”, degno di nota un 4-1 alla Paganese oppure un 5-3 al Palermo dalle mille emozioni. La speranza è che anche l’Empoli di Sarri in questa Serie A ci regali delle perle da ricordare.

Commenti

commenti

Chi ha scritto il post

Gianmarco Lotti

Nasco il 24 luglio 1991, ma poteva succedere praticamente a chiunque. Vado prima a scuola e poi all'università (laureato in Scienze Politiche) e già questo è leggermente più difficile. Più che una vita è un processo di selezione naturale. Mi piace leggere e scrivere, ma non contemporaneamente. Amo il calcio, inteso non come elemento chimico, ma sono un grande appassionato di sport in generale. Letteratura, cinema e musica sono le altre mie grandi passioni, ma senza dubbio la cosa che mi riesce meglio è venir meno alle diete. Vivo da sempre con la paura di essere invadente, non potrei mai ad esempio conquistare la Polonia.