Maestoso, alto, imponente, tortuoso, affascinante. Gli attributi si sprecano al suo cospetto. L’albero più bello di Montelupo Fiorentino è nella frazione limitrofa di Fibbiana, all’interno del parco di Villa Mannelli. La residenza d’epoca, che apparteneva ad una famosa famiglia nel Medioevo, è attualmente una struttura privata. Pertanto, sfortunatamente, il parco non è aperto al pubblico. Tuttavia EdiEmpoli vi ha portato alla scoperta della villa ed ora anche di questo bellissimo albero che, pur non essendo visitabile, merita di essere conosciuto.

Il Cedrus Libani di Fibbiana

L’albero in questione è il cedro libanese secolare, situato nel parco interno nelle vicinanze della facciata del palazzo, dal lato della frazione montelupina.

cedro-libanese-secolare-montelupo (2)

Immortalità e fermezza

ll cedro del Libano – Cedrus libani, A.Rich. 1823 – fa parte della famiglia delle Pinacee. Migliaia di anni fa, estesi boschi di questo albero ricoprivano i pendii montuosi del Vicino Oriente. Attualmente, nella sua zona di origine nella catena del Monte Libano sopravvivono, poche centinaia di esemplari. L’albero è rappresentato nella bandiera del Libano, dove le bande rosse rappresentano il sangue puro versato per il conseguimento della liberazione, quella banda bianca simboleggia la pace e la neve che copre le montagne del Libano, mentre il cedro verde simboleggia l’immortalità e la fermezza.

bandera_libano

La pianta

Il portamento dei suoi rami è definito a “candelabro”: i rami del cedro libanese formano infatti un angolo di 90° e salgono verso l’alto. La cima col passare del tempo si appiattisce: nelle zone d’origine arriva a 40 metri, in casi eccezionali a 60 metri.

La pianta, originaria del Mediterraneo Orientale, cresce spontaneamente nelle montagne del Libano, della Siria e in Turchia meridionale (sui monti Tauro). Ma, a partire dalla fine del Settecento, è coltivata in parchi e giardini di tutta Europa.
I cedri universalmente considerati più belli e spettacolari sono quelli che si trovano in Libano, precisamente nella Foresta dei cedri di Dio, che è Patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

cedro-libanese-secolare-montelupo

Gli alberi più belli

E voi quali altri alberi secolari conoscete a Empoli e dintorni? Lasciate un commento e andremo alla sua ricerca!

Commenti

commenti

Chi ha scritto il post

Brenda Gatta

Laureata in Comunicazione Media e Giornalismo all'Università di Firenze e specializzata alla London School of Journalism, mi occupo di comunicazione e travel writing. Amo la fotografia, dal selfie al cavalletto e senza filtri, ad eccezione del bianco e nero. Mi piace la pioggia, l'odore dei libri nuovi e ho una chitarra, che prima o poi imparerò a suonare. Nel frattempo ascolto i Beatles, leggo fumetti, guardo film imprevedibili e mi perdo nelle mostre d'arte in cerca di ispirazione.