Sono 3 gli edifici costruiti nell’arco degli ultimi cinque anni che meritano la nostra attenzione. Si tratta di 3 scuole pubbliche di altrettanti comuni del circondario: Istituto Tecnico Industriale ‘Ferraris’ a Empoli 12/2012, la Scuola di Montagnana di Montespertoli 10/2012, la “Scuola nel Parco” di Montelupo 09/2013.

Edilizia sostenibile per i nostri ragazzi; i comuni del circondario hanno puntato sull’efficienza e sulla sostenibilità. Interessante vedere come le istituzioni nonostante il periodo di crisi abbiano deciso di investire molto su strutture pubbliche e in particolare sugli edifici scolastici.

Non è facile riassumere le scelte costruttive e la tecnologia “invisibile” che c’è dietro a questi tre progetti, ma proviamo a sintetizzarne gli aspetti fondamentali.

In primo luogo gli edifici prestano tutti una grande attenzione all’orientamento e all’utilizzo della luce naturale, sfruttandola sapientemente secondo le necessità inverno/estate. Altro aspetto comune e importante è stato l’impiego di materiali non inquinanti e sostenibili; non solo per chi ne usufruirà nel corso degli anni, ma anche per gli operatori che l’hanno realizzata. Sono comuni a tute e tre le strutture, i vantaggi dal punto di vista ecologico ed il basso impatto ambientale e diminuzione delle spese di gestione nel lungo termine.

Le scelte specifiche invece sono:

Istituto Tecnico Industriale ‘Ferraris’ di Empoli

A Empoli la provincia ha utilizzato muratura portante in laterizio con cappotto in fibra di legno, serramenti esterni in larice. Tetto verde e serra solare sono elementi di bioclimatica che caratterizzano l’edificio. L’impianto di riscaldamento/raffreddamento utilizza dei pannelli radianti alimentati da un impianto geotermico, fornendo un grande risparmio sui consumi energetici.

empoli-istituto-ferraris-brunelleschi

Photo Credits: www.gonews.it

Scuola di Montagnana di Montespertoli

La scuola di Montespertoli è stata realizzata in legno con sistema “a secco”, con pareti stratificate in legno assemblate e costruite in fabbrica, da montare poi direttamente in cantiere. Anche qui la struttura segue i criteri della bioclimatica rispettando orientamenti ed esposizione secondo gli assi fondamentali. Gli impianti energetici si affidano per l’acqua calda sanitaria a pannelli solari e per il fabbisogno invernale a una caldaia a biomasse; queste sono reperite sul territorio con filiera “a chilometri zero” derivante da potature di olivi e viti.

montespertolis-cuola-di-montagnana

Photo Credits: www.gonews.it

“Scuola nel Parco” di Montelupo F.no

A Montelupo, la scuola ha utilizzato il legno per le strutture portanti, per l’isolamento e per alcune finiture. Sono impiegati diversi materiali sostenibili ed è stata posta grande attenzione al recupero delle acque meteoriche. L’autosufficienza energetica è raggiunta tramite un insieme d’impianti: sistema fotovoltaico, pompa geotermica e pannelli radianti.

scuola-di-montelupo

Photo Credits: Comune di Montelupo F.no

Riassumendo: 3 scuole, 3 scelte costruttive simili, 3 impianti molto differenti, ma anche 3 fattori comuni:

  1. la sostenibilità ambientale dei sistemi costruttivi e dei materiali impiegati.
  2. grande attenzione all’isolamento passivo e a ottimizzare gli impianti con conseguente minimizzazione dei costi di gestione e di mantenimento.
  3. ecologia del sistema edificio durante tutto il suo ciclo di vita: costruzione, impiego e demolizione.

Bio-architettura e sostenibilità sono il futuro dell’edilizia, ottimo iniziare dagli edifici scolastici, ospitano i nostri ragazzi, il nostro avvenire!

Commenti

commenti

Chi ha scritto il post

Cinzia Bagnoli & Mattia Fantoni

Cinzia è nata a Empoli, dove risiede, ma adottata da Firenze come studentessa da quando aveva 15 anni e poi come cittadina per un lungo periodo; ancora spesso vi lavora. BioArchitetto, biodesigner, biostilista, un po' bioartista: crede nelle energie rinnovabili e nella sostenibilità. Chissà ancora cosa le riserverà il futuro. Mattia è un fiorentino appartenente alla schiera dei “Benedetti Toscani”, Architetto per vocazione, si interessa di Bioedilizia e Sostenibilità di cui ha fatto un modello di vita. Curioso di tecnologia e di informatica, si occupa anche di Domotica ed Energie Rinnovabili. Sarebbe sempre in viaggio, per vivere il mondo, assaggiare i suoi piatti e conoscere i popoli.